Ultimo aggiornamento venerdì, 15 Marzo 2024 - 16:17

De Rienzo: “Speravo di sbagliarmi, con Calzona abbiamo visto la stessa squadra impaurita! Qualcosa non quadra…”

News
27 Febbraio 2024 20:15 Di salvatore brancaccio
4'

A “1 Football Club”, programma radiofonico in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Jolanda De Rienzo, giornalista e conduttrice di Sportitalia. Di seguito, un estratto dell’intervista:

Lo spartito del Napoli, anche cambiando il direttore d’orchestra, non è cambiato.
“Odio avere ragione nell’ultimo periodo… Infinite volte ho detto ‘spero di sbagliarmi’. Calzona non poteva essere la soluzione, e non è un discorso filomazzarriano. Con la speranza di sbagliarmi, e fidandomi anche quello che poteva essere il giudizio di De Laurentiis, ritenevo che il Napoli non avesse bisogno di un cambio di allenatore. Il Napoli aveva bisogno di un leader, di essere squadra, ha bisogno di uno spogliatoio. Con Calzona abbiamo visto la stessa squadra impaurita, e qualcosa non quadra”

Il problema non è Juan Jesus, tra i responsabili del gol del Cagliari, ma chi ritiene possa garantire continuità di prestazione in tutto il campionato?
“Fatemi dire che la colpa non è di Calzona. Fatta questa analisi, non vorrei che qualcuno pensasse che per me ricadano su di lui le responsabilità. Un allenatore può essere un fattore quando c’è programmazione, quando c’è una squadra ben costruita. Il Napoli, già questa estate, non era una squadra ben costruita. Anzitutto, c’è da condannare qualsiasi episodio di razzismo e cyberbullismo sui social. Non è la prima volta che accade, ma i tifosi che augurano il peggio ai calcatori non sono tifosi, ma dei frustrati. È gente che avrebbe bisogno di un aiuto importante… Detto ciò, c’è un errore di disattenzione di Juan Jesus evidente, ma nessuno mi sembra abbia aiutato il brasiliano. Ci sono quattro giocatori del Napoli in area, tra cui Meret che rimane immobile. Dunque, credo che tutto il Napoli sia da considerare una squadra ridimensionata. Pensiamo a Maignan, che lo scorso anno, o quello precedente, fa un anno stratosferico, assurgendo a valore aggiunto dei rossoneri. Quest’anno, però, non è stato un valore aggiunto. Degli azzurri, nessuno ha saputo essere il valore aggiunto, in questa stagione. A ciò si aggiungono le responsabilità della dirigenza, che non ha acquistato un calciatore pronto in sostituzione di Kim, sperando che Natan fosse un colpo alla Kvara. Spalletti aveva comunicato già a maggio il suo addio, così come Giuntoli mesi prima. Sarebbe stato opportuno affiancare il direttore molto prima, in modo da programmare la stagione in tempi congrui. Un mercato, infatti, si programma in un anno”

Perché crede che il Napoli abbia pareggiato a Cagliari?
“Non dobbiamo mai analizzare le gare pensando solo al risultato. Come ha giocato il Napoli, ieri? Male. Gli azzurri hanno segnato con il primo tiro in porta. Ne deriva che il Napoli passa in vantaggio anche con un po’ di fortuna. Con tutta la simpatia per i rossoblù, il Cagliari non è la squadra più forte del campionato. La cosa che mi preoccupa di più è vedere i calciatori camminare in campo, non recuperare in difesa. Non è un problema atletico, ma mentale. Un problema di testa che, lo ripeto, può essere risolto soltanto ritrovando un leader. Se, però, ogni volta si mette in discussione un allenatore, o anche un direttore sportivo, come si può pensare che la squadra mantenga alta la tensione e la concentrazione? Con l’esonero di Mazzarri, non c’è nemmeno stata la scossa di cui la squadra ha goduto mesi fa. Non è un alibi per i giocatori, ma bisognerebbe pensare anche alla gestione dei rinnovi, come nel caso di Kvaratskhelia e Zielinski. Il Napoli non si sente più squadra, non lotta per un obiettivo comune”

fonte: www.calcionapoli24.it

LEGGI COMMENTI