Ultimo aggiornamento martedì, 23 aprile 2019 - 14:58

FIGC, Gravina: “Applicheremo le nuove norme contro la discriminazione, pronti a sospendere le gare! Il VAR non mi piace come viene applicato: meno discrezionalità degli arbitri, più tecnologia”

News
21 gennaio 2019 14:06 Di salvatore brancaccio
3'

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, è intervenuto ai microfoni di Un Calcio alla Radio, trasmissione radiofonica in onda sulle frequenze di Radio CRC. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli24.it.

“Razzismo e discriminazione negli stadi? C’è solo da applicare una procedura molto chiara e far scattare eventuali sanzioni. Speriamo che tutto questo serva solo come analisi verso un fenomeno che col calcio non c’entra nulla. La procedura è molto chiara, al netto delle interpretazioni. Prevede, comunque, che ci sarà un responsabile della procura federale o un addetto deputato all’ordine pubblico a stabilire che in caso di discriminazioni territoriali o razziali che l’arbitro dovrà portare le squadre a centrocampo per sospendere momentaneamente la gara: se non termina l’atteggiamento di discriminazione, le squadre tornano nello spogliatoio e sarà l’addetto alla sicurezza a stabilire quale sarà l’epilogo. C’è un’ipotesi di reintroduzione di esimenti, come per esempio se larga parte dello stadio isola quelli che si macchiano di inciviltà. C’è sempre la decisione finale dell’uomo dell’ordine che può adottare anche una decisione più drastica. Se c’è uno sparuto gruppo, bisogna applicare la procedura. Ma, c’è da fare attenzione a quelli che sono i cori ed alla psicosi sugli stessi. Quando sono 50 o 100, un numero così esiguo è facilmente identificabile e la società può impedire per lungo tempo l’ingresso negli stadi. Sono convinto che le società hanno voglia di collaborare. La FIGC ha cambiato lo scenario: si fa l’annuncio a gioco fermo deresponsabilizzando l’arbitro che deve pensare ad arbitrare. Faremo in modo che queste innovazioni ci siano in Milan-Napoli, anche se le novità saranno formalizzate il 30 gennaio. VAR? Il ricorso alla VAR ed il coinvolgimento dell’arbitro addetto devono essere costanti. Credo che arriveremo a due challenge, a due chiamate di parte. Siamo per l’applicazione alla tecnologia. L’anno scorso l’applicazione è stata straordinaria, quest’anno non mi è piaciuta la stretta, io sono per l’applicazione costante. Quando c’è lo strumento bisogna applicarlo, bisogna restringere la discrezionalità dell’arbitro. Il format della B è chiaro: ritengo che sia giusto che vada a 20 squadre, ma bisogna modificare le norme federali. Le promozioni e le retrocessioni sono fissate dalle norme. Se ci sono vuoti, si va con i ripescaggi. Caso Pro Piacenza? C’era l’idea di mettere in campo dei ragazzini da tesserare poche ore prima. Ho avuto un’immagine bruttissima, ho chiamato il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, c’è stato un mio intervento e si è provveduti a sospendere quella gara con l’Alessandria. Adesso ci dobbiamo concentrare ad esaltare l’eccellenza del calcio. Dobbiamo salvare il calcio pulito ed abbiamo evitato lo scempio di vedere ragazzini in campo per volere di personaggi inqualificabili. Oggi, stiamo approntando gli strumenti per evitare che ci siano casi di società che falliscano ancora: ci sarà un diverso monitoraggio con la Consob e non solo. Centri federali e quote azzurre? Ci stiamo lavorando, c’è l’ipotesi di un salary-cap ed alla valorizzazione dei giovani. Oggi, in Nazionale giocatori convocati a minuto zero come Zaniolo vuol dire che la Federazione ha l’occhio lungo, lavorando con il tecnico Mancini. Vogliamo la nazionale del futuro per vincere nei prossimi dieci anni Europei e Mondiali”.

fonte: https://www.calcionapoli24.it/le_interviste/figc-gravina-applicheremo-le-nuove-norme-contro-la-discriminazione-pronti-a-sospendere-n388297.html

Loading...
LEGGI COMMENTI