Ultimo aggiornamento sabato, 21 Settembre 2019 - 18:30

Liverpool-Napoli, le pagelle: Insigne fa sfracelli, Callejon che duttilità! Manolas tosto, Verdi si mette in mostra. Meret vola

News
28 Luglio 2019 20:01 Di salvatore brancaccio
5'

Liverpool-Napoli, le pagelle di CalcioNapoli24

  • Meret 7 – Si gode l’atmosfera del Murrayfield Stadium, il gol di Wijnaldum è in offside netto. Pronto sul destro di Fabinho in avvio di ripresa, a metterlo più in difficoltà è un suo compagno di squadra, Hysaj, che rischia l’autogol nel finale. Prima dello splendido volo su Wilson.
  • Di Lorenzo 6,5 – Un anno fa preparava la stagione con l’Empoli, oggi di fronte aveva Wijnaldum e dimostra carattere: non è intimorito, nemmeno quando si concede qualche sgroppata offensiva. (Dal 61′ Hysaj 6 – Molto più bloccato in fase offensiva, rispetto a Di Lorenzo, tiene la linea per non correre troppi rischi contro Brewster e compagni. Rischia l’autogol per cercare l’anticipo)
  • Maksimovic 6 – Lento in chiusura su Origi nei primi minuti, insicuro in uscita col pallone: al 15′ è da horror, al 31′ si salva conquistando un fallo. Migliora col passare dei minuti, ok, ma è da rivedere. (Dal 61′ Luperto 6 – Si fa guidare da Chiriches)
  • Manolas 6,5 – Piede educato quando si tratta di lanciare lungo, fisico tosto quando deve anticipare gli avversari in area di rigore. Dolorante dopo uno scontro di gioco, stringe i denti. (Dal 46′ Chiriches 6,5 – Entra e guida la difesa, mettendoci la testa più o meno dovunque)
  • Mario Rui 6,5 – L’ultima sfida con i Reds lo vide soffrire davvero tanto, invece l’aria di Edimburgo lo rende vivace nei duetti con i compagni: che sia l’inizio della stagione della riscossa? (Dal 46′ Ghoulam 6 – Alexander-Arnold non lo supera con facilità, la scelta di non partecipare alla Coppa d’Africa lo aiuterà a trovare presto la migliore condizione fisica)
  • Callejon 7 – Debutto assoluto da centrale, un’idea che Ancelotti aveva da tempo e che finalmente trova spazio: sembra trovarsi subito a suo agio, malleabile come la plastilina tra le mani. Lancia, contrasta, si propone: da rinnovare al più presto. Gli avversari lo prendono di mira e lo toccano oltremodo duramente. Torna esterno per l’ultima mezz’ora.
  • Zielinski 6,5 – Dovrebbe velocizzare il gioco in cabina di regia, non sempre si mette in mostra: il gioco si sviluppa da altre parti, ma un contributo lo dà anche se, qualche volta, tiene troppo palla e si ritrova accerchiato. Nel secondo tempo velocizza l’azione con buone idee.
  • Verdi 7 – Con un piede fuori ed uno dentro il Napoli, Simone va messo in mostra per chi vuole acquistarlo: sinistro interessante al 10′, buone idee anche quando serve i compagni in profondità o deve rinculare in difesa. (Dal 61′ Gaetano 6,5 – Dopo aver convinto durante il ritiro, mezz’ora al cospetto di Klopp e dei campioni d’Europa senza molti timori. La gioventù lo rende sfrontato, e non è un male)
  • Mertens 6,5 – Parte dietro Milik in fase offensiva, pronto a spostarsi al suo lato oppure a servire i compagni: grande apertura, quella che porta al gol di Insigne, e tanto movimento. (Dal 46′ Younes 6,5 – Ancelotti persegue nell’idea di schierarlo da trequartista centrale, e fa bene: vince il rimpallo e mette a segno lo 0-3)
  • Insigne 7,5 – Fisicamente soffre Alexander-Arnold, se la cava con la rapidità di corpo. Impegna Mignolet dalla distanza e, dopo aver puntato Matip, il destro a giro gli regala un bel gol. Ottimo anche in fase di assist, liberissimo nel servire Milik. Entra pure nello 0-3, fa sfracelli a sinistra.
  • Milik 6,5 – Le voci su Icardi quanto potrebbero influire sul suo rendimento (e sul suo rinnovo contrattuale)? Spreca malamente un suggerimento per Insigne al 15′, alcuni movimenti sono sbagliati ma non quello dello 0-2: c’è da dire, comunque, che Matip lo lascia solissimo. Reattivo al 57′ dopo la deviazione di Matip, non era facile evitare Mignolet. (Dal 74′ Tutino SV)
  • Ancelotti 7 – L’anno scorso finì 5-0 e stavolta il Liverpool non ha diversi di quei titolari, vara il 4-2-3-1 con ben poca fase di interdizione pura. La fisicità dei ragazzi di Klopp è maggiore, così come la confusione; la condizione azzurra non è al top, ma si riescono a sfruttare bene le occasioni: ad esempio il vantaggio, con un contropiede intelligente e sfruttato bene, e soprattutto il raddoppio sul quale va ringraziato il posizionamento errato della difesa Reds. Difensivamente gli azzurri non soffrono mai nei primi quarantacinque minuti, se non per alcuni dettagli da correggere. Cinici i suoi sullo 0-3, abili a punire ogni errore degli inglesi, ed una manovra fluida che lascia ben sperare, in attesa del ritorno degli altri nazionali. Il 5-0 del 2018 è vendicato, quantomeno, ma il Liverpool oggi era al limite dell’inguardabile: il primo tiro dei Reds arriva nel finale.

fonte: https://www.calcionapoli24.it/le_pagelle/liverpool-napoli-le-pagelle-insigne-fa-sfracelli-callejon-che-duttilit-manolas-tosto-verdi-n409981.html?fbclid=IwAR21Z6vR1uD1gMBP895wNMfEaT_-EccKU_fJBxchoTRW45fUHLNq5a6_wxA

Loading...
LEGGI COMMENTI