Ultimo aggiornamento lunedì, 12 Agosto 2019 - 22:50

Repubblica – Insigne e la fascia di capitano, De Laurentiis ha qualche dubbio: intanto si candida Koulibaly

News
10 Maggio 2019 15:40 Di salvatore brancaccio
3'

Lascia o raddoppia? Secondo l’edizione di oggi di Repubblica, non è in discussione il futuro di  Lorenzo Insigne, blindato dal Napoli fino al 2022 dopo l’incontro del 1 maggio a casa di Ancelotti, a cui hanno partecipato oltre allenatore tutti i protagonisti della vicenda: l’attaccante della Nazionale, il suo nuovo procuratore Mino Raiola e soprattutto Aurelio De Laurentiische ha tolto ufficialmente dal mercato il pezzo più pregiato della sua squadra.

Insigne capitano del Napoli? Il dubbio di ADL

«Siamo felici che abbia deciso di rimanere con noi». A dispetto delle apparenze, però, il caso non è ancora chiuso in modo definitivo. Lo stesso presidente, infatti, ha successivamente sollevato dei dubbi sulla opportunità di lasciare la fascia di capitano sul braccio del talento di Frattamaggiore, già costretto a sopportare un’overdose di responsabilità per il suo ruolo di profeta in patria. «Il leader deve trasmettere anche ai compagni la sua voglia di vincere all’interno dello spogliatoio» , ha detto senza peli sulla lingua il numero uno azzurro, durante il suo recente blitz a Madrid per il vertice delle principali Leghe europee.

Nessuna invasione di campo, ci mancherebbe. Le questioni di natura tecnica non competono a De Laurentiis e dunque le sue parole non possono essere etichettate come un ultimatum: trattandosi tutt’al più di un suggerimento, ispirato dal rendimento double face di Insigne nella stagione che sta ormai per andare in archivio. L’attaccante dell’Italia è stato infatti al top della forma fino all’inizio di gennaio, trascinando il suo Napoli nella scia (a diretto contatto) della Juventus in campionato ed esaltandosi ancora di più nella durissima fase a gironi della Champions. Poi però il giocatore di Frattamaggiore s’è perso per strada proprio sul più bello, dopo aver ereditato di punto in bianco gli onori e gli oneri del suo nuovo ruolo di capitano azzurro per la repentina cessione di Marek Hamsik, volato in Cina a inizio febbraio. Il presidente ha il sospetto che la fascia sul braccio abbia messo ulteriori pressioni sul numero 24, già costretto a convivere con le enormi aspettative del San Paolo per le sue origini napoletane. Non è un mistero del resto che a Lorenzinho – a differenza di quanto accade per gli altri suoi compagni non venga perdonato il minimo errore: come si è rivisto di recente a Fuorigrotta dopo il rigore tirato sul palo contro i bianconeri e la sostituzione contro l’Arsenal, due momenti no sottolineati dai fischi.

Koulibaly si candida per la fascia da capitano

«Insigne aveva perso il sorriso e sono felice che lo abbia ritrovato grazie al gol contro il Cagliari»ha sottolineato ieri Raul Albiol a radio Kiss Kiss, certificando il periodaccio vissuto dal suo compagno. « Ma lui ha saputo reagire, mostrando personalità». Resta da capire se ne valga la pena: se quella fascia (che scotta) può motivare il Magnifico o metterlo ancora di più sotto pressione. Ad Ancelotti l’ultima parola, con la forte candidatura di Kalidou Koulibaly sullo sfondo. Sarà un’estate di riflessioni.

fonte: https://www.calcionapoli24.it/rassegna_stampa/insigne-capitano-napoli-koulibaly-de-laurentiis-n400913.html

Loading...
LEGGI COMMENTI